Serie B: volata promozione e salvezza

A 270′ dalla fine i giochi per la promozione e per la salvezza restano apertissimi in serie B. E questo anche grazie al Treviso che, nel recupero, ha ribaltato il risultato con il Grosseto ricoinvolgendo Modena, Vicenza e Piacenza nella lotta per evitare il play-out. Dopo aver visto ridurre il vantaggio sulla terza da 5 a 3 punti, la capolista Chievo ospita il Vicenza con l’intento di cancellare lo scivolone di Mantova e tenere a distanza le dirette concorrenti. Iachini è ancora in ansia per condizioni del suo principale terminale, Pellissier, ancora alle prese con un problema alla spalla. Se non dovesse recuperare in tempo è probabile che, stavolta, il suo posto venga preso da Cossato, preferito a Luciano. Nel Vicenza, oltre a Matteini, infortunato, non ci saranno Cudini e Schwoch, squalificati, che saranno rimpiazzati da Andreolli e dal rientrante Zampagna.

Risalito al secondo posto, il Lecce deve guardarsi dall’insidioso derby con il Bari. Pur se tranquilli, i ragazzi di Conti promettono battaglia per guastare i piani ai giallorossi. E mai come stavolta, dunque, i salentini dovranno sfoderare una prova superlativa per proseguire il testa a testa con l’AlbinoLeffe. Per l’occasione Papadopulo tornerà al 3-5-2 reinserendo Schiavi e Diamoutene in difesa. Nel Bari mancheranno Donda e Galasso, squalificati, ma, di contro, torneranno in attacco Santoruvo e Lanzafame che le tenteranno tutte per mettere in crisi la difesa avversaria.

L’AlbinoLeffe tifa Bari e, nel frattempo, chiede strada a un Ascoli senza assilli per proseguire la propria marcia verso la serie A. I marchigiani, malgrado i problemi societari e la testa già rivolta alla prossima stagione, nelle ultime sfide non hanno fatto sconti a nessuno (tre vittorie di fila). Sarà interessante verificare se riusciranno a impensierire anche i seriani che scenderanno al Del Duca con qualche timore in più dopo lo scottante 0-4 incassato dal Lecce. Costretto a rinunciare agli appiedati Peluso e Ruopolo, Gustinetti si affiderà a Garlini e Ferrari, rilanciando a centrocampo il rientrante Del Prato. Nell’Ascoli, stanti le assenze di Aquilanti, Luci e Belingheri, torneranno ad avere spazio dal 1′ Pesce, Di Donato e Soncin.

Ancora amareggiato per l’occasione persa a Grosseto, il Bologna va all’assalto del Messina confidando in un contemporaneo passo falso di Lecce e AlbinoLeffe. Contro una squadra senza più obiettivi Bucchi e Marazzina hanno un’occasione unica per riscattarsi. Tanto più che a supporto torneranno ad avere la fantasia del rientrante Di Gennaro.

La lotta per accaparrarsi l’ultimo posto per i play-off ruota tutta attorno a Rimini-Brescia. Clamorosamente tornati in corsa grazie al successo di Pisa, i romagnoli devono continuare a vincere per mantenere vive le speranze. Ma dovranno fare i conti con una formazione desiderosa di rimediare alla brutta figura con l’Ascoli. Acori rilancerà in avanti Greco al fianco di Vantaggiato, confidando nelle giocate di Ricchiuti per mettere in crisi i lombardi. Sul fronte opposto Cosmi darà spazio dal 1′ a De Zerbi e Caracciolo in attacco rimpiazzando lo squalificato Zambrella con Scaglia.

Il Pisa va a Ravenna con la consapevolezza di non potersi più permettere passi falsi. Per tornare a far punti su un campo che è tabù da 33 anni, Ventura, ancora alle prese con una perdurante emergenza, si affiderà al rientrante Juliano con l’obiettivo di recuperare qualità e solidità a centrocampo. Varrella, dal canto suo, riproporrà il 4-4-2 puntando tutto sullo straordinario momento di Succi e Sforzini (5 gol in due nelle ultime 4 partite) per restare in corsa per il play-out.

In coda il match più delicato va in scena al Tenni dove il Treviso conta di dissolvere del tutto i sogni salvezza del Cesena. Forti di una tradizione favorevole (mai perso con i bianconeri) e di un morale ritrovato, dopo gli ultimi 2 successi consecutivi, i veneti si aggrapperanno fin dal 1′ all’esperienza di Beghetto per sopperire alle assenze di Lupoli e Quadrini. Nel Cesena, privo di Croce e Lauro, le speranze di un risultato positivo passeranno ancora una volta attraverso le idee di capitan Salvetti e le giocate di Moscardelli e Paponi.

Spezia e Avellino hanno l’obbligo di sfruttare il fattore campo contro Mantova e Triestina. L’impresa, sulla carta, è davvero alla portata visto che, di fronte, troveranno squadre senza più obiettivi. Ed è assai probabile che le diverse motivazioni bastino a fare la differenza.

Chiudono, infine, il programma Frosinone-Modena e Piacenza-Grosseto. Al Matusa i canarini confidano in una formazione fuori da tutti i giochi per ritrovare un successo che manca ormai da ben 16 giornate. Al Garilli, invece, emiliani e toscani puntano a compiere assieme un ulteriore passo verso l’imminente salvezza.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: